Come riconoscerla?

Vi sono alcuni segni e sintomi che sono una sorta di “carta d’identità” della dermatite atopica che possono essere utilizzati e controllati per riconoscere e diagnosticare la malattia

Il decorso della dermatite atopica tende ad essere cronico-recidivante, cioè si caratterizza per periodi in cui la malattia regredisce e migliora, alternati a periodi in cui la malattia si ripresenta con riacutizzazioni; per questo motivo i sintomi e i segni della dermatite atopica possono variare nel corso della vita, così come possono cambiare di stagione in stagione, da individuo a individuo e anche di giorno in giorno.

Vi sono, comunque, alcuni segni e sintomi che sono una sorta di “carta d’identità” della dermatite atopica e che quindi possono essere presi in esame e controllati per riconoscere e diagnosticare la malattia. Rivolgetevi pertanto al vostro dermatologo di fiducia se sulla vostra pelle notate:

  • eczema
  • arrossamenti
  • secchezza che presenta fasi di riacutizzazione
  • zone squamose con fissurazioni e sanguinamenti
  • ispessimenti e screpolature
  • prurito intenso e incessante.

Lo specialista visiterà la vostra pelle e vi chiederà informazioni dettagliate sul vostro modo di vivere e di mangiare, su che tipo di attività professionale svolgete, sulle malattie di cui avete sofferto in passato, se avete eventualmente familiarità per determinati disturbi, sul numero di giorni alla settimana in cui avvertite i sintomi e se i sintomi sono comparsi per la prima volta entro i 2 anni d’età e tendono alternativamente a regredire e a riacutizzarsi. Per corroborare la diagnosi della malattia il dermatologo potrà poi prescrivere alcuni esami di laboratorio e l’esecuzione di biopsie sulla cute, nonché procedere ad eseguire alcuni test specifici sulla pelle per verificare l’eventuale allergia a determinate sostanze e cibi (allergeni ambientali ed alimentari); il dermatologo valuterà, infine, l’eventuale presenza di altri disturbi associati alla dermatite atopica, come riniti e rino-congiuntiviti, dal momento che questi disturbi sono spesso conseguenza della malattia cutanea.

Fonti

Eichenfield LF, Stein Gold LF. Practical strategies for the diagnosis and assessment of atopic dermatitis. Semin Cutan Med Surg 2017; 36 (2 Suppl 2): S36-S38.

Silvestre Salvador JF et al. Atopic dermatitis in adults: a diagnostic challenge. J Invest Allergol Clin Immunol 2017; 27(2): 78-88.

Berke R et al. Atopic dermatitis: an overview. Am Fam Phys 2012; 86 (1): 35-42.

Wollenberg A et al. ETFAD/EADV Eczema task force 2015 position paper on diagnosis and treatment of atopic dermatitis in adult and paediatric patients. JEADV 2016; 30

 

Articoli correlati


                  

Dermatite atopica

Il ruolo della Vitamina D nella dermatite atopica

La vitamina D è un modulatore della nostra immunità che svolge un ruolo nella produzione della componente lipidica della barriera cutanea, nella sintesi della filaggrina, nella proliferazione e differenziazione dei cheratinociti e infine nell’aumento della sintesi di catelicidina (peptide antimicrobico).

Read more

                  

Dermatite atopica

Microbiota cutaneo e dermatite atopica

La cute non è solo un organo di protezione, ma partecipa anche a tutte le risposte immunitarie, infatti, i cheratinociti fanno parte del sistema immunitario insieme alle cellule di Langerhans e ai linfociti. La composizione e la biodiversità del microbiota cutaneo sono alterate alla presenza di una patologia come la dermatite atopica

Read more

                  

Dermatite atopica

I cambi di stagione possono influire sulla dermatite atopica?

La dermatite atopica può essere causata da predisposizione genetica, da anomalie del sistema immunitario, dallo stato psicosomatico del soggetto ed anche dall’ambiente circostante. L'iperattività infiammatoria della pelle verso gli allergeni è amplificata quando fattori genetici predisponenti e fattori ambientali agiscono simultaneamente.

Read more