Che cos’è?

La dermatite atopica (o eczema atopico) è una malattia infiammatoria cronica della pelle non contagiosa, in cui la pelle del viso e/o del corpo si presenta tipicamente secca, intensamente pruriginosa e irritabile.

La dermatite atopica (o eczema atopico) è una malattia infiammatoria cronica della pelle, non contagiosa, in cui la pelle del viso e/o del corpo si presenta tipicamente secca, intensamente pruriginosa e irritabile.

La malattia può colpire tutte le fasce d’età, anche se spesso il suo esordio coincide con l’età pediatrica (entro i 5 anni di vita) in cui generalmente insorge in maniera improvvisa: i neonati e i bambini piccoli sono difatti colpiti più spesso (10-20% di casi), mentre negli adulti la malattia è un po’ meno frequente (2-5% di casi). Il motivo per cui i lattanti e i bambini piccoli sono a maggior rischio di contrarre la dermatite atopica è spiegabile col fatto che il loro sistema immunitario non è ancora completamente sviluppato e quin  di le probabilità di contrarre la malattia nei primi mesi di vita sono particolarmente elevate.

Negli ultimi 30 anni la patologia ha mostrato un notevole aumento nel mondo occidentale, tanto da diventare una tra le condizioni più problematiche nei Paesi industrializzati. I dati epidemiologici testimoniano, inoltre, una maggiore incidenza di dermatite atopica nelle persone che soffrono anche di disturbi allergici, come asma, rinite, rino-congiuntivite allergica, orticaria e allergie alimentari.

Il termine “atopica” sta ad indicare che il disturbo non ha una localizzazione particolare sulla pelle (il termine deriva difatti dal greco “a-topos”, che significa privo di luogo preciso). Nei neonati e nei bambini piccoli la parte più comunemente colpita è la pelle del viso ma, man mano che crescono, la malattia può diffondersi a tutto il corpo, in particolare alle mani, ai piedi, alle caviglie, alla piega interna del gomito e a quella posteriore delle ginocchia, al collo e al torace, compromettendo significativamente la qualità di vita di chi ne soffre e delle loro famiglie.

Gli effetti negativi sulla qualità di vita sono dovuti soprattutto al prurito che, essendo sempre intenso, è tale da ostacolare la vita quotidiana e il sonno.

Fonti

Berke R et al. Atopic dermatitis:an overview. Am Fam Phys 2012; 86 (1): 35-42.

Eichenfield LF et al. Guidelines of care for the management of atopic dermatitis. J Am Acad Dermatol 2014; 70: 338-351.

 

Eckert L et al. Impact of atopic dermatitis on health-related quality of life and productivity in adults in the United States: an analysis using the National Health and Wellness Survey. J Am Acad Dermatol 2017;77: 247-249.

 

 

Articoli correlati


                  

Dermatite atopica

Il ruolo della Vitamina D nella dermatite atopica

La vitamina D è un modulatore della nostra immunità che svolge un ruolo nella produzione della componente lipidica della barriera cutanea, nella sintesi della filaggrina, nella proliferazione e differenziazione dei cheratinociti e infine nell’aumento della sintesi di catelicidina (peptide antimicrobico).

Read more

                  

Dermatite atopica

Microbiota cutaneo e dermatite atopica

La cute non è solo un organo di protezione, ma partecipa anche a tutte le risposte immunitarie, infatti, i cheratinociti fanno parte del sistema immunitario insieme alle cellule di Langerhans e ai linfociti. La composizione e la biodiversità del microbiota cutaneo sono alterate alla presenza di una patologia come la dermatite atopica

Read more

                  

Dermatite atopica

I cambi di stagione possono influire sulla dermatite atopica?

La dermatite atopica può essere causata da predisposizione genetica, da anomalie del sistema immunitario, dallo stato psicosomatico del soggetto ed anche dall’ambiente circostante. L'iperattività infiammatoria della pelle verso gli allergeni è amplificata quando fattori genetici predisponenti e fattori ambientali agiscono simultaneamente.

Read more