Dermatite atopica: dormi male? Colpa del prurito

Il prurito associato alla dermatite atopica riduce la qualità di vita di chi ne soffre, causando insonnia e peggioramento della qualità del sonno


Dermatite atopica prurito: il prurito è la causa significativamente più importante di insonnia e di peggiorata qualità del sonno, rispetto al dolore.
Questo dato è il risultato di uno studio appena pubblicato che ha valutato l’impatto di 2 sintomi – il prurito e il dolore – sulla qualità del sonno in 100 pazienti con dermatite atopica e 100 pazienti con psoriasi, la cui età media si aggirava intorno ai 40 anni; per avere certezza che gli effetti del prurito e del dolore sul sonno fossero significativi e reali, lo studio ha confrontato i risultati ottenuti nei pazienti con dermatite atopica o psoriasi con quelli osservati in un gruppo di controllo di 50 soggetti di pari età media (40 anni).

L’intensità del dolore e del prurito nei pazienti con dermatite atopica e con psoriasi è stata misurata con una scala chiamata Scala Visuo-Analogica (VAS), i cui punteggi variano da 0 (assenza di dolore/prurito) a 10 (il peggior dolore/prurito immaginabile). Per valutare invece la gamma di disturbi e interferenze sul sonno da parte del prurito e del dolore sono stati utilizzati questionari di autovalutazione, quali la scala Athens Insomnia Scale (AIS) e l’Indice di Qualità del Sonno di Pittsburgh (PSQI). Nel caso della scala AIS, un punteggio totale superiore o pari a 6 significava l’esistenza di insonnia, mentre nel caso dell’indice PSQI un punteggio totale maggiore o uguale a 5 indicava una peggiorata qualità del sonno.

Nello studio il prurito è risultato presente permanentemente in tutti i pazienti con dermatite atopica, nel 60% dei casi di grado da severo a molto severo, mentre il dolore era meno frequente (34% dei casi).

Riguardo agli effetti dei 2 sintomi sul sonno, nei pazienti con dermatite atopica l’insonnia era osservabile nell’82% dei casi, che difatti mostravano un punteggio AIS totale medio pari a 10,5 (valore quindi indicativo di insonnia), mentre nel gruppo di controllo il valore era circa la metà (5,5).

Il peggioramento della qualità del sonno era testimoniato anche dal punteggio PSQI totale medio, che è risultato pari a 8,3 nell’82% dei pazienti con dermatite atopica. Nelle persone del gruppo di controllo il punteggio PSQI medio è risultato invece 3,1 (valore quindi inferiore al valore soglia di 5, indicando quindi che la loro qualità del sonno era buona). Nel complesso, le persone con dermatite atopica che avevano un punteggio PSQI maggiore o uguale a 5 (cioè con scarsa qualità del sonno) erano l’80%, contro il 22% nel gruppo di controllo.

Esaminando quali fossero gli aspetti in cui il sonno risultava peggiorato, gli studiosi hanno scoperto che i pazienti con dermatite atopica avevano difficoltà ad addormentarsi, erano soggetti a frequenti risvegli notturni e dichiaravano una riduzione della durata totale del sonno oltre che dell’abituale efficienza del sonno.
Analizzando infine se i “disturbatori” del sonno fossero il prurito, il dolore o entrambi è emerso che solo il prurito era significativamente correlato agli elevati punteggi AIS e PSQI, ma non il dolore.

Le ripercussioni negative della dermatite atopica – così come della psoriasi – sulla qualità di vita delle persone che soffrono di queste patologie croniche infiammatorie della pelle sono imputabili ad effetti negativi sulle capacità cognitive, sull’umore e sulla sfera psicologica, favorendo l’insorgenza di ansia e depressione. Lo studio descritto dimostra che l’impatto negativo della dermatite atopica sulla qualità di vita di chi ne soffre è attribuibile anche all’insonnia e ai disturbi del sonno conseguenti al prurito associato alla malattia.

Il prurito, ma non il dolore, appare quindi il sintomo chiave in grado di causare insonnia e peggioramento della qualità del sonno e di compromettere il benessere dei pazienti affetti da dermatite atopica, con un impatto addirittura maggiore rispetto ad altre malattie croniche infiammatorie della pelle come la psoriasi.

Fonte bibliografica

Kaaz K et al. Influence of itch and pain on sleep quality in atopic dermatitis and psoriasis. Acta Derm Venereol 2018; doi: 10.2340/00015555-3065.

Articoli correlati


						

Dermatite atopica

Le ripercussioni dello stress sulla pelle: la dermatite da stress

Lo stress può avere ripercussioni sulla salute, anche su quella della pelle: dermatite da stress.

Read more

						

Dermatite atopica

La cute: una barriera tra organismo interno e ambiente

La cute, costituendo il rivestimento più esterno del corpo umano, svolge l’essenziale funzione di formare una barriera tra l’interno dell’organismo e l’ambiente esterno. Quest’attività è resa possibile da una varietà di meccanismi protettivi di tipo fisico, chimico e immunologico.

Read more

						

Dermatite atopica

Esiste davvero un legame tra allergie alimentari e dermatite atopica?

La dermatite atopica è la più comune malattia dermatologica cutanea nei bambini, ma esiste un legame tra allergie alimentari e dermatite atopica?

Read more