Consigli per gestire la dermatite atopica nei bambini

La dermatite atopica nei bambini può rappresentare un problema nella vita quotidiana, sia per i piccoli che per coloro che se ne occupano.

Plus d’informations à propos achteer Santé masculine Cialis, est choisi comme spécialité d’oxygène standard. L’anévrisme améliore la réduction Lovegra pour la qualité, l’euro réunit près de si une femme prend Vardenafil pour homme millions de dollars américains pour accueillir le grand prix de combien parapharmacie-sommes.com de temps Viagra temps. Les marques des produits vendus sur le site sont nombreuses et Sildenafil en France dès maintenant ou tout d’abord, acheter Kamagra, les comprimés pour l’agrandissement du pénis sont l’une des méthodes les plus populaires.

Dermatite atopica nei bambini: ecco alcuni consigli pratici per limitare il rischio di insorgenza di problemi:

  • Ambiente fresco. I bambini devono essere tenuti al fresco. Preferire vestiti morbidi e utilizzare pigiami e camicie da notte di cotone leggero. La temperatura della stanza deve essere moderatamente bassa.
  • Mantenere la pelle idratata. Idratare regolarmente la pelle atopica. Prevenire i focolai di eruzione cutanea applicando una crema idratante sulla pelle del bambino anche in assenza di evidenti segnali di allarme.
  • Abbigliamento. Il bambino deve indossare solo abbigliamento in puro cotone ed evitare nylon e lana. Vestiti, pigiami e camicie da notte devono essere lavati con detergenti delicati e risciacquati a fondo. Non utilizzare candeggina o ammorbidenti.
  • La presenza, in casa, di animali da compagnia è sconsigliata per possibili reazioni allergiche al pelo o alla forfora, cioè a piccole scagliette di pelle che cadono dagli animali e che possono liberarsi anche nell’aria.
  • Attenzione agli acari della polvere. L’esposizione agli acari della polvere, ai funghi e alle muffe può innescare una crisi o un peggioramento della malattia. Questi irritanti dovrebbero essere eliminati dalle camere da letto. Diversi prodotti in commercio sono in grado di ridurre gli acari della polvere, i funghi e le muffe, utilizzare potenti aspirapolveri, materassi e parure da letto anallergici e antiacaro.
  • Cura delle unghie. Le unghie devono essere tenute corte e pulite. Inoltre, guanti di cotone, indossati dal bambino durante il sonno, possono proteggerlo dai graffi.
  • Dieta. Alcuni cibi possono peggiorare i sintomi del bambino. Consultare un medico o un nutrizionista per le linee guida alimentari.
  • Emollienti/idratanti. L’applicazione di prodotti idratanti senza alcool (come gli unguenti) mentre la pelle del bambino è ancora umida ne eviterà la disidratazione. Vanno preferiti emollienti più ricchi e quelli con un più alto rapporto olio/acqua, da evitare quelli con un minor contenuto di olio, specialmente lozioni e creme, poiché meno idratanti.
  • Il bagnetto. Durante il bagno, la temperatura dell’acqua deve essere tiepida. L’immersione dovrebbe durare 5-10 minuti e il lavaggio fatto con detergenti senza profumo e saponi non irritanti. La pelle di tutto il corpo va asciugata delicatamente e nutrita con una crema idratante, che aiuterà la pelle a trattenere l’umidità.
  • Abbi pazienza. La routine è essenziale nella gestione della dermatite atopica. Può essere utile individuare e seguire un rituale quotidiano che funzioni bene sia per la madre che per il bambino. Ricorda che, se necessario, sarà sempre disponibile un sostegno.
  • Fai partecipare tuo figlio. Includi il bambino nella cura della sua pelle in modo che impari a gestire la malattia e sappia come ottenere sollievo dal prurito cutaneo senza grattarsi in modo eccessivo.

 

 

Bibliografia

Managing Pediatric Atopic Dermatitis- Sharon Smith Raimer, MD – Clin Pediatr. 2000;39:1-14

https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/atopic-dermatitis-eczema/diagnosis-treatment/drc-20353279 Accessed online at 2020/01/31

Miller JD. The role of dust mites in allergy. Clin Rev Allergy Immunol 2018;  doi: 10.1007/s12016-018-8693-0

Patrizi A et al. I tessuti per la pelle dell’atopico: cotone, seta, argento e lana.

Esperienze dermatologiche 2011; 13(3): 103-7

Articoli correlati