10 consigli per evitare le infezioni da funghi in estate

Con la bella stagione aumenta il rischio di infezioni per la pelle. Ecco come evitare le infezioni da funghi in estate.


Le cause sono diverse, per lo più riconducibili al clima caldo-umido e ai caratteristici cambiamenti nelle abitudini estive: per esempio si frequentano più spesso luoghi condivisi con altre persone, si indossano vestiti e scarpe aperte che espongono maggiormente il corpo al contatto con gli agenti esterni e quindi al possibile contagio.

La prevenzione è la strategia vincente per tenere lontano la micosi e non rovinare l’allegria e la spensieratezza di questo periodo. A seguire, un decalogo di consigli per un’estate senza infezioni fungine.

  1. L’igiene è fondamentale. Vanno evitati i luoghi sporchi, perché sono particolarmente idonei per la crescita di questi microorganismi. In piscina, sauna, palestra e luoghi simili, utilizzare teli per evitare il contatto diretto della pelle con superfici comuni. In casa, è importante stare particolarmente attenti all’igiene del bagno, disinfettando in particolare la vasca o il box doccia, soprattutto se qualcuno in famiglia manifesta i sintomi delle micosi.
  2. Le docce comuni, la piscina, i lidi e i servizi pubblici sono luoghi ideali per la proliferazione di funghi. Per proteggere i piedi da ogni contatto indossare sempre le ciabatte, sia in piscina che negli spogliatoi.
  3. Asciugamani, teli da bagno e indumenti non devono essere condivisi, per non rischiare la trasmissione dei funghi da un individuo infetto.
  4. Indossare capi larghi, traspiranti, possibilmente di cotone. Gli abiti aderenti e in tessuto artificiale ostacolano l’evaporazione del sudore e favoriscono il ristagno di umidità. È importante che anche le scarpe siano traspiranti, sia durante le attività sportive che durante la quotidianità
  5. Lavarsi con frequenza le mani, la parte del corpo che più di frequente entra in contatto con l’esterno e che quindi potrebbe veicolare infezioni.
  6. L’igiene è importante, ma con le sostanze giuste. Il sapone, specie se in eccesso, può indebolire lo strato lipidico a protezione della pelle. Meglio detergenti più adatti, come ad esempio quelli con basi lavanti eudermiche, cioè preparati che migliorano lo stato fisiologico cutaneo.
  7. Prestare particolare cura ad asciugarsi bene dopo il bagno e la doccia, anche quando fa molto caldo. L’ambiente umido, come noto, può favorire la crescita di funghi eventualmente presenti sulla pelle.
  8. Non fatevi fare massaggi in spiaggia da fisioterapisti improvvisati che promettono relax in cambio di pochi euro. Spesso, oltre a non avere una preparazione tecnica adeguata, non rispettano i minimi requisiti igienici. Quasi sempre passano da un lettino all’altro senza lavarsi né tantomeno disinfettarsi le mani. Possono quindi trasmettere malattie cutanee, dalle dermatiti alle micosi.
  9. Gli animali, anche quelli domestici, possono essere veicoli di contagio. È buona regola prendersi cura di loro, con controlli regolari dal veterinario. In questo modo si tutelerà anche la salute degli esseri umani che li circondano.
  10. Proteggere eventuali lesioni sulla cute o in prossimità delle unghie: possono favorire il contagio che, come noto, avviene per contatto.

Articoli correlati